A PADOVA LE GRANDI CASE TRA STORIA E FUTURO


Per un grande futuro serve una grande storia, e quando si parla di automobili, il proprio passato è il miglior biglietto da visita. Questo certamente il leitmotive della 30esima edizione di Auto e Moto d’Epoca, a Padova dal 24 al 27 ottobre: nel tempio del motorismo d’antan si potranno trovare fianco a fianco i gioielli d’epoca, restaurati dopo lunghe ricerche e lavori, e i più affascinanti modelli di oggi, un concentrato di tecnologia e linee ultramoderne al servizio delle nuove concezioni di spostamento e guida.
Le protagoniste di quest’anno saranno dunque le Case che hanno fatto la storia dell’automobile: hanno scelto come strategia di marketing la passione senza tempo per presentare e vendere le auto “contemporanee”. Una tendenza che sposa a tutto tondo le esigenze degli automobilisti, legati a un marchio, all’inevitabile senso di appartenenza a un life style che si ripete nel tempo.
Così i visitatori potranno stropicciarsi gli occhi di fronte alle Mercedes in mostra, dalla Ponton degli anni ’50 alle serie 111/112 con la carrozzeria di sicurezza di Béla Barényis, dalla prima Classe S del 1972 all’ultima generazione attualmente in lancio. Una nuova prospettiva per chi ama le auto in ogni sua espressione.
A Padova sarà poi la prima volta di BMW Italia, che ha scelto il Salone veneto per la sua indiscussa leadership europea in fatto di vendite. In un unico stand espositivo, a disegnare un percorso suggestivo di storia, fascino e tecnologia, troveranno posto le nuove auto BMW e il BMW Autoclub Italia, che esporrà una BMW 328 Roadster del 1937 e organizzerà, nella giornata di sabato, il 2° Raduno Internazionale BMW Z1. A poche settimane dall’open week end di lancio, la Casa tedesca svelerà al pubblico la BMW X5 e la Serie 4 Coupé di recente commercializzazione. Per gli amanti del mito BMW, allo stand sarà possibile acquistare articoli, abbigliamento e oggettistica della collezione merchandising BMW, mentre hostess dotate di palmare e personale di BMW Italia saranno a disposizione per fornire e raccogliere informazioni. 
Tra le Case che hanno scelto Padova come palcoscenico privilegiato per le proprie vetture, anche Peugeot. E non poteva essere diversamente, se si pensa che la prima automobile in assoluto a circolare in Italia fu la Peugeot Tipo 3, che il 3 gennaio 1892 mosse i primi passi proprio in Veneto, a Piovene Rocchette con alla guida l’industriale Gaetano Rossi. A Padova il marchio francese metterà in mostra la propria vocazione sportiva con la 208 GTI con motore da 200 CV, 1600cc a benzina, turbo, un modello che richiama la mitica 205 GTI degli anni ’80. Grazie al suo Club (www.peugeot.it/clubstorico). Peugeot presenterà quattro vetture: una 205 GTI 1900 di serie, una rarissima versione 205 GTI Gutmann allestita con motore 16 valvole, mentre per i sognatori ci sarà anche una 205 Turbo 16 accanto al sogno realizzabile della nuova 208 GTI.
Non solo novità di mercato da lucidare per la fiera, perché le Case automobilistiche hanno voluto assecondare lo spirito e la passione della manifestazione, come Porsche, che ha scelto Padova come ultima tappa celebrativa del tour che festeggia i 50 anni della 911. Porsche Italia, la rete dei Centri Porsche, i Porsche Club e le migliaia di tifosi appassionati del Marchio sono impegnati sin dallo scorso maggio a organizzare una serie di eventi in tutta Italia; in occasione della fiera sarà allestito uno spazio espositivo in collaborazione con I Registri Storici del Marchio, che ripercorrerà le tappe degli eventi attraverso le immagini e i video girati dai protagonisti, in parte già visibili su www.porsche.it/50anni911 e nelle pagine dei Social Media.
Ormai di casa Audi Sport Club Italia che, per la quarta volta, porterà a Padova l’eleganza e lo stile del marchio tedesco. Con il supporto di Audi Italia, lo stand sarà dedicato a un grande pilota italiano, Dindo Capello, che ha raccolto numerosi successi con la casa di Ingolstadt: da ammirare una raccolta delle vetture più significative della sua carriera tra cui la splendida R18 con cui ha corso da protagonista alla 24 heures du Mans nelle ultime edizioni.
Quando si parla di storia dell’automobile non può mancare il Cavallino rampante: il Museo Ferrari di Maranello, che quest'anno sta superando ogni record di visitatori, contribuirà al grande evento di Padova con un’esposizione di altissimo valore. Sette vetture racconteranno com’è nato e si è sviluppato il concetto delle Supercar Ferrari; in particolare, si potranno vedere, fianco a fianco, le vetture stradali e le monoposto di Formula 1 la cui tecnologia ha costituito lo spunto tecnico di sviluppo. Dalla monoposto 126C turbo dalla quale sono originati due modelli come GTO ed F40, fino alla F1 90 che ha ispirato il motore portante della F50 ed alla F1 2000, campione del Mondo con Schumacher, presa a base per la realizzazione della Enzo.
L'area destinata al Museo, padiglione 3, sarà completata dalla presenza  di un simulatore F1 semiprofessionale dove, durante i giorni di apertura, si terrà una delle sessioni di qualifica alla finale del Campionato Museo Ferrari Formula 2013 in programma a fine anno a Maranello. Le qualifiche sono aperte a tutti coloro che superano i 130 centimetri d'altezza.
Notizia dell’ultima ora anche la presenza di Jaguar e Maserati.

Post più popolari