Al via il Rally Motociclistico Mondiale


Ci siamo. Tutto pronto per il Rally Motociclistico Mondiale 2012 FIVA organizzato dall’ASI dal 28 giugno - 1° luglio a Pesaro, Gabicce Mare, dove 130 iscritti, 70 moto anteguerra e 60 piloti da tutta Europa  si sono datti appuntamento. E il 28 sera i grandi Campioni pesaresi incontrano i “rallisti” il 28 sera al Museo Benelli.

L’ASI Automotoclub Storico Italiano, incaricato dalla FIVA di organizzare il Rally Motociclistico Mondiale 2012 ha  superato tutti gli obiettivi prefissati, stabilendo con 130 partecipanti un risultato storico, che consente il rilancio di questa manifestazione che negli ultimi anni non aveva riscontrato grande partecipazione.

Ma il richiamo dell’Italia e in particolare di Pesaro, patria di celebri Costruttori e grandi piloti  ha di certo contribuito al successo conseguito dall’ organizzazione curata dalla Commissione Manifestazioni Moto dell’ASI, che nello spirito FIVA, vedrà alla partenza  60 piloti di 8 paesi Europei pari al 47% dei presenti!  Inoltre ben 70 motociclette risultano costruite prima della 2° Guerra Mondiale.

Importanti i nomi dei collezionisti stranieri, a cominciare da colui che porterà il numero “1” Juris Ramba, dalla Lettonia, in sella da una REX/ Jap del 1913, si tratta di uno dei maggiori collezionisti dell’ex area sovietica e sarà lui che l’anno prossimo organizzerà il Rally Fiva.
Petja Grom viene dalla Slovenia e ha scelto dal suo museo per venire in Italia una Indian del 1937.
Il tedesco Willy Hof sarà in sella ad una BMW R51/2 del 1950 e il greco Mariolopoulos Panagiotis su Brough Superior De Luxe del 1937, sono entrambi membri della Commissione Motociclistica della Fiva
Lo svizzero Osvaldo Beltrami grande collezionista, porta a Pesaro una AJS 500S8 del 1931.
Scorrendo l’elenco dei partenti si trovano anche alcuni importanti membri dell’ASI, un vice presidente, un consigliere e tre Presidenti di Commissione. Due dei quali sono anche Presidenti di Commissioni FIVA.
Insomma un vero “parterre de Roi” del collezionismo europeo, che l’ASI ha saputo radunare grazie ad un programma attraente che consente di guidare su strade spettacolari, in zone ricche di storia, di attrattive artistiche e con interessanti proposte enogastronomiche! Ma i grandi nomi non si limitano a quelli dei “rallisti” la sera del 28 infatti  presso il Museo Benelli i 130 partecipanti  avranno il privilegio d’incontrare grandi Campioni e personaggi che hanno scritto la storia del motociclismo pesarese e mondiale:
 Paolo Campanelli decano del motociclismo sportivo con una attività durata  32 anni dal 1946 al 1978 e vincitore di categoria nel 1954 con il Leoncino Benelli 125.
Silvio Grassetti icona della Benelli degli anni sessanta e primo vincitore assoluto con la 250 quattro cilindri nel 1962.
Eugenio Lazzarini tre volte campione del mondo, vincitore di 27 Gran Premi, nelle piccole cilindrate nel 78’ con la MBA 125 nel 79’ con la Kreidler 50 e nel 80’ con la IPREM 50 .
Enzo Lazzarini , fratello di Eugenio, meteora del motociclismo sportivo che a causa di un grave incidente non ha potuto esprimere il suo valore.

Saranno presenti Giancarlo Morbidelli industriale delle macchine per il legno, che per hobby negli anni settanta, progettò motociclette vincitrici di quattro titoli mondiali tre nella classe 125, nel 1975 con Paolo Pileri e nel ’76 e ’77 con Pierpaolo Bianchi e sempre nel 1977 nella 250 con Mario Lega.
Una altra presenza molto significativa quella di Marco Benelli, figlio dell'ingegner Giuseppe capostipite della gloriosa famiglia pesarese.
Il Museo sede del Registro Storico Benelli presenta oltre 130 motociclette Benelli-MotoBi dalle prime degli anni venti, alle ultime della gestione Benelli Q.J. che continua a costruire motociclette di altissimo livello nella tradizione della Casa.

Sarà un occasione unica di avere sotto gli occhi quasi 100 anni di evoluzione motociclistica. Una serata che i “rallisti” FIVA ricorderanno a lungo!
Il programma, del Rally realizzato in collaborazione con il Registro Storico Benelli, Le Veterane, l’AS Pesaro Dorino Serafini e l’Automotoclub Storico di San Marino prevede:
 28 giugno pomeriggio registrazioni e verifiche a Gabicce Mare, presso il Grand Hotel Michelacci, che costituirà la base di tutto il raduno. In serata come già detto trasferimento a Pesaro per una serata Benelli con i Campioni. .

Venerdì 29 – percorso 135 km -  iniziano a rombare i motori, si visita Urbino – “ventoso” come citato dal Pascoli nella poesia l’Aquilone – poi si va verso la zona  del Furlo con la sua fantastica Gola  - Dopo il pranzo, sosta al Convento Francescano del Beato Sante del 1223, che prende il nome dal Frate Giovanni Sante Brancorsini. Sosta a Mombaroccio. Rientro a Gabicce attraversando Tavullia patria di  Valentino Rossi. Cena sul mare a Gabicce.

Sabato 30 - percorso 105 km -  sempre da Gabicce si va “all’estero” nella Repubblica di San Marino, si visita il ricco centro storico si pranza  e poi via verso il Borgo Medioevale di Gradara  permeato della storia tragica di Paolo e Francesca.
La giornata si concluderà con  la Cena di Gala in Hotel.

Domenica 1 luglio – percorso di soli 45 km. – da Gabicce a Pesaro sulla panoramica e visita al Museo Morbidelli; poi trasferimento nella centrale Piazza del Popolo e arrivo al Palazzo Ducale. Saluto del Prefetto e visita del Palazzo.
Concerto di musiche Rossiniane nel salone Metaurense. Pesaro terra di moto, tecnologia e coraggio, è anche terra di musica, in quanto ha dato i natali a Gioachino Rossini, che ogni anno viene ricordato con il Rossini Opera Festival.  Al Maestro sarebbe sicuramente piaciuta la sinfonia dei motori.
Dopo il pranzo a Pesaro rientro a Gabicce e l’arrivederci al 2013 in Lettonia.

Post più popolari