Maxi raduno a Punta Ala per i Maggiolino


 Se non è raffreddato ad aria e non ha il motore posteriore non è un maggiolino. Sabato 2 e domenica 3 giugno i Transporter T1, conosciuto agli appassionati come Bulli (nome nato dalla crasi tra Bus e Lieferwagen, furgone in tedesco), e i Typ 1, l'immortale Maggiolino (beatle o bug, in inglese), daranno vita al raduno Bullis vs. Beatles. Un ritrovo per gli amanti di questi due pezzi storici del design e dell'industria automobilistica tedesca, diventati simbolo di un'idea leggera e scanzonata di affrontare la vita. Organizzato da Bug & Bus di Roberto Grandi, nome di riferimento per i collezionisti e i proprietari, prevede la presenza di circa 50 equipaggi.

Un'occasione imperdibile per ammirare pezzi unici che arrivano in Maremma, ospitati nelle strutture del PuntAla Camping Resort, da tutta Italia. In occasioni come queste, che si propongono come un informale momento di incontro, gli appassionati si scambiano consigli sul meccanico più adatto, sul sellaio scoperto per caso, le piccole malizie e le astuzie dei collezionisti. Un mondo vastissimo per chi si è lasciato affascinare da queste auto (wagen) del popolo (volks). Solo per parlare del maggiolino o maggiolone dal 1938 al 2003 ne sono stati prodotti più di 21 milioni di esemplari in buona parte ancora funzionanti. Se è vero che un “due vetrini”, vale a dire con il lunotto sdoppiato, come lo erano i modelli prima del 1953, in perfetto stato può valere anche 30mila euro, ma per iniziare, un Messico (i modelli costruiti nel paese americano dal 1976 fino al 2003) si riesce a trovare anche a 1000 euro circolante. Insomma, una collezione a portata di molti, considerando che si tratta pur sempre di collezionismo di auto.

Gran parte dei modelli del raduno saranno degli anni ‘60 e ‘70, periodo in cui toccò il massimo splendore anche la diffusione del Bulli. Dovrebbero essere presenti, ma questo dipende dall'estro del collezionista che può decidere la mattina del raduno con quale mezzo partecipare, anche alcuni dei Transporter più ricercati, come il Samba 23 vetri. Tanto per dare un'idea, lo scorso anno, all'asta VW Classic, il più grande evento negli Stati Uniti dedicato alle vetture del marchio tedesco, un Samba 23 vetri del 1963 è stato battuto alla cifra record di 217.800 dollari. Un’eccezione, certo, ma i modelli da collezione di questa versione non scendono sotto i 40mila euro e anche per le unità più malandate, da restaurare totalmente, le quotazioni viaggiano molto sopra i 10mila euro.
L'appuntamento per gli appassionati dei mezzi che hanno mosso (e continuano a farlo) molte decine di milioni di persone è al PuntAla Camping Resort sabato 2 e domenica 3 giugno.


Post più popolari